Zea mays – Mais e pellagra nel Nord Italia tra fine Ottocento e inizio Novecento

Autori: Lombroso Cesare, Messedaglia Luigi, Villari Pasquale

Tipologia: Pubblicazione divulgativa

Anno: 2015

Riassunto

La pellagra, di cui oggi non si parla più, ha imperversato a lungo nel nostro Paese causando migliaia di vittime. La sua triste vicenda è legata al mais (Zea mays L.), il cereale venuto dall’America che tanta parte ha avuto nella storia delle campagne italiane, padano-venete in particolare. Tra la fine dell’Ottocento e il primo Novecento il dibattito su questa malattia è stato molto acceso, ha riguardato ogni aspetto di quella che era ormai diventata una piaga della società contadina e spesso ha assunto i toni aspri della battaglia ideologica, come testimoniano gli scritti che qui riproponiamo. Il volume si apre con pagine di denuncia sociale, sotto forma di un dialogo fra la Pellagra e la Libertà apparso nel 1885 sul periodico «Il Pellagroso». Prende quindi la parola Cesare Lombroso, che, noto soprattutto per i suoi studi di antropologia criminale, si interessò molto anche della pellagra, come paladino della teoria «tossicozeista» e dell’ereditarietà della malattia. Il suo saggio La pellagra ed il maiz in Italia è ricco di dati, ma anche di notazioni di ambiente e di considerazioni che, pur contestate da molti suoi contemporanei e superate dalle conoscenze che si andavano sviluppando, testimoniano la passione e la dedizione di chi era abituato a osservare e a sperimentare. Nell’articolo La pellagra e i contadini nella provincia di Mantova lo storico liberale Pasquale Villari riassume e commenta i risultati dell’inchiesta di una Commissione provinciale nel Mantovano nel 1878: un caso emblematico del profondo disagio sociale che stava alla base della malattia e delle proposte avanzate per combattere l’uno e l’altra. Chiude il volume Luigi Messedaglia, che nel suo Mais e pellagra: un dramma di vita rurale sintetizza mirabilmente e con straordinaria verve narrativa due secoli di studi, discussioni, provvedimenti sulla pellagra fino alla scomparsa della malattia, dando spazio anche a un’efficace analisi degli imprevedibili effetti della Prima guerra mondiale in tale contesto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest
2019 Assomais, tavolo di confronto per la filiera maidicola • Credits Slowmedia