Alleanza Cooperative: rilanciare il mais con un Piano nazionale

Anche l’Alleanza delle Cooperative agroalimentari sposa la causa di Assomais relativa all’urgenza di varare un piano di settore che aiuti il mais italiano: «la coltivazione di mais in Italia continua a calare, con le superfici nazionali che sono scese sotto i 700.000 ettari nel 2016, con una contrazione del 30% in 10 anni. Una flessione in assoluta controtendenza rispetto ai trend di crescita mondiali delle produzioni di mais. Questo quanto riporta una nota dell’associazione che ha evidenziato questa criticità durante un incontro di studio organizzato a Bologna in cui produttori e cooperative hanno approfondito il tema confrontandosi con diversi rappresentanti del mondo della ricerca.
“È necessario porre la massima attenzione sulla contrazione preoccupante di superfici del mais che non si registrava da qualche decennio”, ha dichiarato Augusto Verlicchi, Vice Coordinatore Settore grandi colture e servizi dell’Alleanza.

Mais: calo della produzione nazionale genera più costi

“Il calo della produzione nazionale, genera – spiega Verlicchi – un aumento dei costi per il nostro Paese (una recente stima di Assalzoo li ha determinati in oltre 3 miliardi di euro negli ultimi 4 anni) e la messa in pericolo delle produzioni Dop che sono un vanto non solo economico per il nostro Paese”.

“Occorre lavorare alla predisposizione di un Piano d’azione nazionale specifico sul mais, che possa disporre di adeguate risorse finanziarie. Fondamentale poi sarà – spiega ancora Verlicchi – in fase di revisione della Pac, il ricorso a misure di sostegno attraverso gli strumenti europei. Per il rilancio di una coltura fortemente legata alle principali produzioni di qualità nazionali, sarà a nostro avviso imprescindibile puntare su ricerca e innovazione”
Il coordinatore del Settore Grandi Colture e Servizi dell’Alleanza Patrizia Marcellini ha sottolineato quanto sia importante anche “porre l’accento sulla filiera, che è in grado di operare un controllo sulla qualità delle produzioni e di garantire la marginalità ai produttori, anche in considerazione della necessità di una adeguata valorizzazione e differenziazione del prodotto. Occorre lavorare a misure urgenti di sostegno come fatto lo scorso anno per il grano duro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest
2017 Assomais, tavolo di confronto per la filiera maidicola • Credits Slowmedia