Semine mais 2016 ai nastri di partenza

Con questo fine settimana siamo entrati nel periodo ottimale per le semine di mais, che, da qualche settimana, sta vivendo una fase di stabilità a livello di prezzo sul mercato nazionale. Il prodotto convenzionale si aggira infatti a Milano sui 170,50 euro/t 169 euro/t a Bologna, non saranno prezzi eccezionali ma va detto che nemmeno per gli altri cereali (tenero e duro in particolare) le quotazioni sono delle migliori, anzi.

Ricordiamo che, in generale, le semine primaverili del mais vanno eseguite il prima possibile, oggi la data di riferimento è entro il 15 marzo, ma spesso per motivi meteorologici si slitta di qualche settimana, e in questi giorni le condizioni di temperatura dei terreni già lo potrebbero permettere, tanto è vero che qualcuno ha già cominciato (nel bresciano ad esempio). Per maggiori informazioni clicca qui.
La prossima settimana, tempo permettendo, si prevede un inizio abbastanza generalizzato anche se per andare a regime dovremo attendere probabilmente il dopo Pasqua. Le previsioni per la settimana 21-28 marzo sulla Pianura Padana indicano una certa instabilità.
Fondamentale, come già detto prima, è che per avere nascite non troppo protratte e irregolari bisogna aspettare che la temperatura del terreno si sia stabilmente attestata su almeno 12 °C. Questo livello termico in Pianura Padana viene raggiunto mediamente tra fine marzo e inizio aprile: questa è, pertanto, l’epoca usuale di semina nel caso di mais in prima coltura. In questo caso il mais impiega circa 15 giorni a nascere.
Vi lasciamo con un augurio: buone semine!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest
2021 Assomais, tavolo di confronto per la filiera maidicola • Credits Slowmedia