Corn Steep Liquor, pastone e panello: cosa sono?

Ho letto con molto interesse il vostro sito, ci sono aziende in Italia che commercializzano il corn steep liquor?

Che differenza c’è tra un pastone di mais e un pannello di mais?

Domanda posta da Francesco Lacasella

 

Risponde Amedeo Reyneri, professore di Agronomia presso l’Università di Torino

 

Il Corn Steep liquor è un prodotto dell’amideria, si tratta di un concentrato proteico frutto della fermentazione lattica del mais. Pertanto è ottenuto anche in Italia negli stabilimenti  Roquette e Cargill con modalità e ricette diverse.

Il pastone di mais è formato dalla granella e dal tutolo raccolti allo stadio di maturazione fisiologica e conservati con l’insilamento.

Il panello di mais è invece quanto risulta dal germe dopo l’estrazione dell’olio con spremitura meccanica. Il panello pertanto contiene ancora una certa percentuale di olio, a diferenza delle farine di germe ottenute dopo estrazione con solvente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Tutte le risposte dell'esperto


Mais seminato troppo fitto: raccoglierò qualcosa?

Vorrei un parere su una situazione che mi è successa quest’anno in semina del mais: ho sbagliato l’impostazione della seminatrice...

Pannocchie doppie di scarsa qualità, da cosa dipende?

Abbiamo coltivato mais per produzione foraggera più volte. Per la semina abbiamo regolato la seminatrice in modo che densità di...

Produzione e stock mondiali di mais

Quale è la situazione attuale sulla scorta di mais e produzione a livello mondiale? Domanda posta da Massimo Manca. Risponde...

Residui colturali del mais: come gestirli in conservativa

Vorrei avere informazioni sui residui colturali del mais. Nella nostra azienda effettuiamo minima lavorazione e volevo sapere i livelli dei...

Irrigare il mais in fioritura, cosa si rischia?

In questi giorni il mio mais manifesta i primi sintomi di carenza d’acqua e pertanto necessiterebbe di un intervento irriguo,...
2021 Assomais, tavolo di confronto per la filiera maidicola • Credits Slowmedia