Mais da 125 giorni: si parte con l’irrigazione?

Vista la previsione di una estate siccitosa e tenendo conto della mia inesperienza, e dell’aver seminato in ritardo – prima settimana di maggio – un mais da 125 giorni in terreni sciolti quando pensa sia opportuno incominciare ad irrigare.
La zona in cui mi trovo è il Piemonte, citta di Alessandria.
Domanda posta da Enrico Fora

Risponde Amedeo Reyneri, docente di agronomia e colture erbacee dell’Università di Torino

Non è facile dare consigli a distanza sull’irrigazione .
Ma se la coltura nelle ore più calde si presenta con le ultime foglie richiuse, allora significa che è soggetta a stress idrico e conviene pensare ad un’irrigazione.
Dipende quindi dal sistema irriguo, ma se fosse a pioggia i volumi debbono essere al momento contenuti trattandosi di una coltura giovane soggetta all’effetto battente delle gocce (20-30 mm totali). Tra oggi e domani (8 e 9 giugno 2015) sono inoltre attese delle piogge.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Tutte le risposte dell'esperto


Mais seminato troppo fitto: raccoglierò qualcosa?

Vorrei un parere su una situazione che mi è successa quest’anno in semina del mais: ho sbagliato l’impostazione della seminatrice...

Pannocchie doppie di scarsa qualità, da cosa dipende?

Abbiamo coltivato mais per produzione foraggera più volte. Per la semina abbiamo regolato la seminatrice in modo che densità di...

Produzione e stock mondiali di mais

Quale è la situazione attuale sulla scorta di mais e produzione a livello mondiale? Domanda posta da Massimo Manca. Risponde...

Residui colturali del mais: come gestirli in conservativa

Vorrei avere informazioni sui residui colturali del mais. Nella nostra azienda effettuiamo minima lavorazione e volevo sapere i livelli dei...

Irrigare il mais in fioritura, cosa si rischia?

In questi giorni il mio mais manifesta i primi sintomi di carenza d’acqua e pertanto necessiterebbe di un intervento irriguo,...
2021 Assomais, tavolo di confronto per la filiera maidicola • Credits Slowmedia