“Succhioni” dal fusto del mais: vanno tolti?

Come mai quest’anno il mais produce dei culmi secondari dal principale. Vanno tolti? 

Domanda posta da Federico Barbiero

 

Risponde Amedeo Reyneri, docente di agronomia e colture erbacee dell’Università di Torino

 

La pianta di mais può produrre dei culmi di accestimento (succhioni) in numero di 1 o 2 per pianta. Questi sono formati quanto la pianta è tra 5 e 8 foglie. La loro crescita successiva in condizioni normali è stentata e con l’inizio della levata tendono a regredire perché non sono più alimentati. Sono sempre sterili negli ibridi coltivati da noi.

La loro comparsa in misura più abbondante dipende: dalla predisposizione dell’ibrido; da un’alta disponibilità di luce; da una buona nutrizione sia di elementi fertilizzanti sia idrica. In altri termini è un segno di una pianta vigorosa e non di stress. I succhioni sono “inutili” ma non danneggiano in modo apprezzabile la singola pianta e sono sempre lasciati stare in attesa di una naturale regressione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest

Tutte le risposte dell'esperto


Mais seminato troppo fitto: raccoglierò qualcosa?

Vorrei un parere su una situazione che mi è successa quest’anno in semina del mais: ho sbagliato l’impostazione della seminatrice...

Pannocchie doppie di scarsa qualità, da cosa dipende?

Abbiamo coltivato mais per produzione foraggera più volte. Per la semina abbiamo regolato la seminatrice in modo che densità di...

Produzione e stock mondiali di mais

Quale è la situazione attuale sulla scorta di mais e produzione a livello mondiale? Domanda posta da Massimo Manca. Risponde...

Residui colturali del mais: come gestirli in conservativa

Vorrei avere informazioni sui residui colturali del mais. Nella nostra azienda effettuiamo minima lavorazione e volevo sapere i livelli dei...

Irrigare il mais in fioritura, cosa si rischia?

In questi giorni il mio mais manifesta i primi sintomi di carenza d’acqua e pertanto necessiterebbe di un intervento irriguo,...
2018 Assomais, tavolo di confronto per la filiera maidicola • Credits Slowmedia